Mastopessi con protesi Milano

Clinica chirurgia plastica Milano
Clinica chirurgia plastica Milano
14/08/2019
Chirurgia estetica piedi Milano
Chirurgia estetica piedi Milano
19/08/2019
Mastopessi con protesi

In questo articolo approfondiremo tutti i dettagli e le informazioni relative al servizio Mastopessi con protesi Milano. La mastopessi con protesi è una combinazione di due interventi, il lifting al seno e la mastoplastica additiva. Viene eseguita posizionando la protesi mammaria nella cavità, lasciata dalla procedura, per ripristinare l’aspetto del seno.

Mastopessi con protesi Milano, ptosi e volume!

La ptosi mammaria è il termine medico per indicare un tessuto mammario cadente. La cosa più importante da sapere è un fatto del tutto naturale. Sperimentare un certo grado di cedimento del seno è normale perchè nel tempo il seno cambia.

Fattori come la gravidanza, l’aumento e la perdita di peso, le dimensioni della coppa del reggiseno, la genetica e persino la gravità, possono tutti contribuire alla diminuzione dell’elasticità della pelle, che fa perdere al seno la sua posizione giovanile.

Ciò non toglie che questi cambiamenti possono minare la fiducia in se stessi e farti cambiare abitudini. Per esempio, è cambiata la tua silhouette nei vestiti o nei costumi da bagno. Allo stesso modo gli stessi fattori, in particolare l‘allattamento, tendono a svuotare il seno, creando a sua volta un problema di volume.

Mastopessi quando?

La mastopessi è un intervento di chirurgia estetica che viene eseguito quando il seno ha bisogno di essere riposizionato nella sua forma corretta. L’obiettivo di questa operazione è quello di sollevare e riposizionare il seno e per questo, viene anche definito lifting del seno.

L’intervento si rende necessario quando la sola protesi non risolve la ptosi, ovvero lo scivolamento della mammella verso il basso, e non la risolleva. Le cause della caduta e dello svuotamento della mammella possono essere tante, ma in genere questi problemi compaiono dopo un repentino dimagrimento oppure dopo l’allattamento.

Per capire se bisogna ricorrere alla mastopessi, un’indicazione (da approfondire) può essere quella di alzare le mani il più in alto possibile. Se la ptosi rimane anche così allora l’intervento è assolutamente necessario.

Richiedi una visita con il dottore 0283595639

Determinazione del grado di rilassamento del seno

Mastopessi con protesi Milano

Potresti aver sentito che puoi determinare l’entità del cedimento del seno con qualcosa chiamato test della matita. Questo test prevede il posizionamento di una matita lungo la piega inferiore del seno. Una volta posizionata la matita, abbassa il seno e se la matita, resta su senza supporti, il test rileva una ptosi. Sebbene questo possa essere un trucco utile, non è un indicatore adatto della ptosi mammaria.

Come individuare il grado di Ptosi?

Esiste un sistema di classificazione ampiamente accettato che offre un modo più preciso per misurare il grado di cedimento. Questo sistema misura principalmente la posizione del capezzolo in relazione alla piega del seno e al tessuto mammario. Una versione semplificata include le seguenti classificazioni:  

  • Ptosi lieve (Grado I): questo grado di cedimento si verifica quando il seno si incurva leggermente sotto la piega del seno. Se il tuo capezzolo è vicino al livello della piega del seno e sopra una parte significativa del tessuto mammario inferiore, potresti avere una lieve ptosi.
  • Ptosi moderata (Grado II): se il tuo capezzolo scende ulteriormente al di sotto della piega del seno ma più in alto di parte del tessuto mammario inferiore, potresti avere una ptosi moderata.
  • Ptosi avanzata (Grado III): la ptosi avanzata si verifica quando la posizione del capezzolo è ben al di sotto della piega del seno e del tessuto mammario inferiore.

Esistono altri tipi di ptosi oltre a quelli sopra elencati. Ad esempio, è possibile avere la pseudoptosi, dove il capezzolo rimane sollevato mentre la metà inferiore del seno si incurva. Questa forma di ptosi è particolarmente comune dopo l’allattamento.

Richiedi una visita con il dottore 0283595639

Oppure scrivici tramite il modulo qui sotto

    Protesi mammarie

    Mastopessi con protesi Milano

    La ptosi viene dunque risolta dalla mastopessi ma se il volume del seno è andato perduto, l’unico modo di porvi rimedio è quello di aumentare il volume con delle protesi. Ogni tipo di impianto può essere una buona scelta, ma presenta sottili differenze nel loro aspetto, sensibilità e prestazioni generali.

    In generale, non esiste un “tipo perfetto” di protesi mammaria. Esiste il tipo di protesi che più si adatta a voi, in termini di corporatura. Le protesi mammarie di oggi sono fatte di un guscio esterno in silicone che viene riempito.

    I materiali di riempimento dell’impianto utilizzati, includono gel di silicone regolari (noti anche come protesi di silicone tradizionali), gel di silicone altamente coesivo (noto anche come protesi al silicone con orsetti gommosi) e protesi saline.

    • Impianti di gel di silicone regolari

    Le protesi mammarie regolari in silicone sono riempite con gel di silicone. Le protesi al silicone sono utilizzate per l’aumento del seno e possono essere utilizzate anche per la chirurgia della ricostruzione del seno. Il gel di silicone assomigliano di più al tessuto mammario naturale rispetto alla sua controparte salina.

    • Protesi mammarie al gel altamente coesive

    Le protesi mammarie in gel di silicone altamente coesive sono conosciute anche come Gummy Bear (gli orsetti gommosi). Sono riempite con un gel altamente coesivo che le rende un po’ più spesse e solide rispetto agli impianti riempiti con silicone tradizionale. Eccellenti prestazioni e risultati altamente soddisfacenti fanno sì che questa soluzione si stia affermando.

    • Protesi mammarie saline

    Le protesi mammarie saline sono riempite con acqua salata sterile. Questo tipo di impianto è raccomandato per le donne che non desiderano avere protesi al silicone così come alcune donne che desiderano un look ” Baywatch” con un alto grado di pienezza e proiezione del polo superiore. Nel paziente giusto, anche gli impianti salini possono sembrare molto naturali. Gli impianti salini sono generalmente meno diffusi oggi rispetto alle protesi al silicone.

    Richiedi un consulto con il chirurgo allo 0283595639

    Oppure scrivici tramite il modulo qui sotto

      Mastopessi con protesi, due in uno?

      Mastopessi con protesi, due in uno?

      Un lifting del seno con protesi può essere un ottimo modo per ottenere un seno più pieno e rialzato nelle donne che hanno avuto figli o hanno subito perdita di peso o entrambi in molti casi. Tuttavia come abbiamo detto l’intervento in realtà è composto da due operazioni distinte che si svolgono contemporaneamente. La domanda è “posso avere un lifting del seno e protesi, nella stessa operazione o dovrebbe essere fatto in 2 fasi?”.

      Sollevamento e impianti a 1 fase VS 2 fasi

      Mentre una procedura in una fase sembra più allettante perché stai effettivamente mettendo in atto il detto “due piccioni con una fava”, una procedura in due fasi può essere raccomandata, ecco perché. Se pensiamo a cosa accade durante una procedura di sollevamento del seno e contemporaneamente di impianto, non possiamo non notare che abbiano obiettivi quasi opposti.

      Viene eseguito un sollevamento per ridurre la pelle del seno e il tessuto ghiandolare per sollevare il capezzolo più in alto sulla parete toracica. Mentre le protesi vengono posizionate per allungare la pelle del seno e aggiungere volume extra.

      Richiedi un consulto con il chirurgo allo 0283595639

      Cosa può succedere nella chirurgia congiunta?

      Mastopessi con protesi Milano

      A volte, quando si combinano queste due procedure, le cicatrici risultano troppo allungate dove sono state praticate le incisioni intorno ai capezzoli e al centro del seno. Ciò è dovuto alla forza interna e al peso degli impianti. Quella pressione sulle linee di sutura può anche causare difficoltà di guarigione.

      E in alcuni casi rotture di ferite e infezioni. La combinazione delle procedure può anche influenzare l’effetto lifting e modellante finale. Quindi non finiscono per essere sollevati o vivaci come il paziente avrebbe potuto sperare.

      Un consiglio

      Eseguire prima il sollevamento, permettendo alle cicatrici di guarire completamente e iniziare a sbiadire, prima di introdurre un impianto porta a cicatrici più piccole e complessivamente a un posizionamento migliore dell’impianto in molte donne. In genere si organizzano queste operazioni a distanza di 9-12 mesi.

      Quando fare il due in uno?

      Una rapida regola pratica è che nelle donne con pelle sana, che non hanno subito cambiamenti di peso significativi, che hanno un notevole cedimento e che sono solo dopo un impianto di dimensioni modeste, può essere appropriato eseguire un sollevamento e l’impianto allo stesso tempo.

      In molti altri casi tuttavia, ci sono donne con lassità più significativa, danni alla pelle (come smagliature eccessive), che desiderano un impianto più grande. Indubbiamente in questi casi, è meglio adottare un approccio in due fasi.

      Contattaci ora per prenotare un appuntamento! 0283595639

      Chi può sottoporsi alla mastopessi con protesi

      Chi può sottoporsi alla mastopessi con protesi

      L’intervento è indicato per le donne che per diverse cause hanno il seno cadente e necessitano di un lifting del seno per rimodellare la mammella. Le cause possono essere:

      • Gravidanze multiple.
      • Allattamento.
      • Drastici dimagrimenti.
      • Invecchiamento.
      • Menopausa.

      Oltre a queste cause, il lifting al seno è indicato anche per chi vuole ridurre e modificare la forma e le dimensioni dell’areola. La mastopessi, come abbiamo visto, può essere eseguita abbinata ad altre tecniche chirurgiche, come la mastoplastica additiva e la mastoplastica riduttiva.

      Per sottoporsi all’intervento bisogna avere almeno la maggiore età e godere di un buono stato di salute. In base alle analisi fatte durante la prima consulenza il chirurgo stabilisce infatti se la paziente può sottoporsi o meno all’intervento.

      L’operazione non viene comunque consigliata se sono presenti gravi patologie a carico del sistema cardiovascolare, in soggetti che soffrono di ipertensione o di problemi di coagulazione.  

      Inoltre, in caso la paziente desidera sottoporsi alla mastopessi, ma non ha ancora avuto gravidanze è consigliabile rimandare l’intervento dopo il parto e dopo l’allattamento.

      Richiedi un consulto con il chirurgo allo 0283595639

      Come si svolge l’intervento

      L’intervento si può svolgere in vari modi a seconda se l’obiettivo è solo quello di modellare il seno sollevandolo oppure abbinandolo alla mastoplastica additiva o riduttiva. In genere ha una durata di circa 2-3 ore e viene eseguito in anestesia generale oppure in anestesia locale con sedazione. È compito del chirurgo scegliere la tecnica da eseguire e quindi decidere se svolgere l’intervento in regime ambulatoriale o di ricovero.

      Le incisioni possono essere eseguite applicando una delle tre tecniche:

      • Incisione periareolare o round block – segue il perimetro dell’areola ed è ideale per i casi di cedimento lievi. La tecnica viene spesso utilizzata in combinazione con l’inserimento di protesi.
      • Incisione a “buco della serratura” – viene eseguita seguendo il perimetro dell’areola e prosegue poi verticalmente verso il basso e verso il solco mammario. La tecnica è consigliata per le pazienti che presentano un grado di ptosi o cedimento moderato
      • Incisione ad ancora – è indicata per le pazienti che presentano un grado di rilassamento importante, che con altre incisioni meno invasive non può essere corretto in maniera soddisfacente. Si tratta della tecnica più utilizzata, quella più tradizionale ed anche la più efficace per ridurre il seno.

      Durante la prima visita è fondamentale esporre al chirurgo le proprie aspettative e ascoltare i suoi consigli. Dopo un attento esame delle mammelle, dopo averle esaminate in posizione eretta e seduta, il medico illustrerà i fattori che possono condizionare il risultato dell’intervento.

      Inoltre, informa la paziente sui dettagli che riguardano la fase precedente e il post intervento, illustrando anche eventuali complicanze che possono verificarsi. La paziente ha tutto il diritto di chiedere chiarimenti qualora non avesse capito bene qualche dettaglio fornito dal chirurgo.

      Richiedi un consulto con il chirurgo allo 0283595639

      Scrivici tramite il modulo qui sotto

        Decorso post operatorio

        Decorso post operatorio

        Dopo l’intervento vengono applicati dei bendaggi leggermente elastici, e dopo, viene fatto indossare un reggiseno di cotone aperto sul davanti. Nei primi giorni le mammelle saranno gonfie e livide e potranno dare fastidio, ma il dolore sarà sopportabile.

        Per alleviarlo basta assumere degli analgesici prescritti dal medico che sono piuttosto efficaci e aiutano a far scomparire ogni disturbo. I bendaggi dopo qualche giorno vengono rimossi, mentre le suture vengono tolte nel giro di due settimane al massimo.

        A casa

        Nel caso la pelle si presenti molto secca dopo l’intervento è possibile applicare una crema idratante diverse volte al giorno sulla mammella. Aver cura di massaggiare con delicatezza e di applicare la crema stando lontana dalle ferite chirurgiche.

        Anche se si avverte una certa perdita di sensibilità ai capezzoli e alla cute delle mammelle tutto passa comunque nel giro di qualche mese. Tuttavia, in alcune pazienti può durare anche qualche anno, mentre in altre la perdita di sensibilità alle mammelle può essere persistente.

        Mastopessi con protesi Milano. Affidati alla chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica! Richiedi una consulenza con il dottore 0283595639

        Il grosso dubbio delle cicatrici

        Il grosso dubbio delle cicatrici

        Questo intervento presenta una criticità, le cicatrici. Qualsiasi procedura che comporti incisioni chirurgiche porterà a un certo grado di tessuto cicatriziale, che non scompare completamente. Tuttavia, l’aspetto delle cicatrici da riduzione del seno dovrebbe gradualmente schiarirsi e diventare più piatto e morbido.

        Con il tempo puoi aspettarti che le cicatrici diventano meno evidenti, soprattutto se pratichi una buona cura delle ferite dopo l’intervento di riduzione. Il risultato dell’esito cicatriziale dipende in gran parte dal paziente, in particolare se seguirà o meno, tutte le istruzioni postoperatorie del chirurgo. Ciò include la partecipazione agli appuntamenti di follow-up che consentono al chirurgo di monitorare la guarigione.

        Un lavoro di coppia

        Sarà compito del chirurgo fare tutto il possibile affinché le cicatrici siano il meno visibili possibile. È importante sottolineare che le cicatrici lasciate dalla mastopessi sono permanenti e possono rimanere rosse in alcuni casi.

        In altri casi le cicatrici possono anche apparire rilevate e rimanere così a lungo, ma con il tempo si attenuano fino a trasformarsi in linee sottili di colore bianco. Se come detto, il chirurgo mette la sua dose di abilità, il paziente deve essere molto costante ad applicare e rispettare gli accorgimenti; per far si che le cicatrici guariscono al meglio.

        Purtroppo le ferite guariscono lentamente e la costanza nel trattarle al meglio, determina il risultato finale. Detto questo ricordate che le cicatrici sono localizzate in aree che rimangono nascoste dai reggiseni.

        Conclusione

        Per concludere, la mastopessi con protesi Milano è un intervento perfetto per le donne che desiderano avere una silhouette più sagomata.  In questo caso il risultato è un modellamento della forma del seno, quindi un vero e proprio lifting; associato a una protesi che restituisce volume.

        Questa procedura comporta anche la rimozione di parte del tessuto cutaneo in eccesso (mal riposto) e del tessuto adiposo lungo la linea ascellare. In questo modo l’intera mammella appare più scolpita e più giovane e tutto il seno appare nettamente più sollevato e rimodellato. Per ottenere i migliori risultati possibili è sempre necessario affidarsi ad un chirurgo specializzato, che abbia una consolidata esperienza nella mastopessi.

        Chiama ora, saremo a tua disposizione! 0283595639

        Seguici su Facebook

        Preventivo

        RICHIEDI PREVENTIVO
        Chiama Ora
        Whatsapp
        Email